Un muro di fuoco contro le mafie

Forno  in fibra ceramica

“Un muro di fuoco contro le mafie il titolo dell’iniziativa organizzata dall’Unione delle Fornaci della terracotta di Samminiatello,  dal Gruppo culturale Il Mattone,  dall’associazione culturale CABA e dall’Associazione Differenze Culturali e nonviolenza onlus, con il patrocinio del Comune di Firenze, in collaborazione con Libera e Unicoop Firenze.  L’evento si è svolto in un luogo prestigiosissimo: lo splendido scenario di piazzale Michelangelo “

Domenica mattina alle 8 ritrovo al Piazzale Michelangelo per iniziare la costruzione del forno in fibra ceramica.
Beh che dire è stata una giornata intensa in cui la condivisione e le nuove conoscenze hanno creato la  giusta atmosfera che si addice a questi eventi, anche il tempo c’e’ stato amico regalandoci  un cielo  azzurro, soleggiato  e costellato di  candide nubi che il vento, poco primaverile, faceva volteggiare.
Quando sono arrivata al Piazzale i “ragazzi della Rotta ” erano già all’opera e la costruzione saliva a vista d’occhio con una precisione davvero degna di lode.

Non appena terminato il montaggio sono state inserite le due opere di Paolo Staccioli: i “Guerrieri” alti circa 1.80 metri, in  argilla refrattaria e i   mattoni  fatti dai Terraccottai  di Samminiatello in ricordo dei 20 anni trascorsi da quel lontano 1993.

Infine sono state montate le pareti in fibra ceramica e il fuoco ha iniziato il suo lento lavoro di trasformazione sino ad arrivare ai 1100 ° C.

Nel frattempo noi ci siamo goduti la corsa podistica , DeeJay Ten ,  pranzo e cena  al Piazzale con un panorama da urlo, il Giardino delle Rose  arricchito dalle opere di Folon (che non  mi stanco mai di ammirare!!) ,un concerto del  Liceo Musicale ….

….e dulcis in fundo …

L’apertura del forno  con i suoi bagliori che rischiaravano la notte….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.